Il lavoro in Germania, cercasi nuove professionalità

Cresce in Germania l’occupazione. Nel 2017 la forza lavoro è lievitata dell’1,5%, pari a 638 mila unità, la cifra più alta da quando è esplosa la crisi mondiale. Il numero dei lavoratori occupati raggiunge la quota più alta dai tempi della riunificazione nazionale. Il totale dei lavoratori nel 2017 ha toccato la cifra di 44,4 milioni di unità, su una popolazione complessiva di 82,5 milioni di persone. Si tratta di numeri elevati, sopratutto se raffrontati con altre economie europee, dove il dramma della disoccupazione rimane ancora elevato.

La crescita occupazionale tedesca dipende da diverse cause. Innanzitutto incide l’aumento del tasso di partecipazione della popolazione domestica, tra cui figurano anziani e donne che rientrano nei loro impieghi. C’è poi l’ingresso nel mondo occupazionale degli immigrati, che fa da contrappunto alla decrescita demografica. Nel complesso, però, il mercato del lavoro tedesco non riesce a inseguire il trend economico, originando degli scompensi occupazionali. Sebbene il prodotto interno cresca, e le previsioni nel 2018 lo danno al 2%, l’invecchiamento della popolazione determina uno squilibrio tra domanda e offerta di lavoro.

La carenza di professionalità riguarda molte aree di attività. I settori dei trasporti e della logistica sono tra i più penalizzati: la richiesta di conducenti è infatti elevata. L’industria manifatturiera e dei trasporti è anch’essa alla ricerca di numerose professionalità, come pure i settori medico-sanitario e in quello turistico-alberghiero e della ristorazione. La carenza di personale è nazionale e riguarda tutti i Lander tedeschi, con qualche eccezione come il Nord Reno Vestfalia nei settori della meccatronica e dell’automazione. Lì il personale necessario c’è. Nel resto della Germania, invece, occorreranno nuove politiche occupazionali di tipo professionalizzanti e inclusive, se non si vuole avere delle ripercussioni negative sull’andamento produttivo del Paese.

Be the first to comment on "Il lavoro in Germania, cercasi nuove professionalità"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*