Repubblica Ceca, trionfa Babis. Sconfitta per i socialdemocratici

Le elezioni in Repubblica Ceca sono finite con la vittoria di Andrej Babis, fondatore del movimento politico di centro-destra Ano (“Si” in Ceco) 2011. Babis ottiene il 31,5% dei voti. Il distacco rispetto agli altri partiti entrati nel Parlamento è netto. Spicca innanzitutto il crollo dei socialdemocratici, il partito di governo, che perde quasi 12 punti percentuali rispetto alle ultime elezioni. Va bene  invece il partito della libertà e della democrazia diretta (Spd), di matrice xenofoba, che si posiziona al secondo posto con 11,3%. Al terzo posto ci sono i civici democratici (Ods) di centro destra, con il 10,9%, seguiti dai Pirati con il 9,8% e i comunisti non riformisti (Kscm) con l’8,9%.

Babis è un imprenditore controverso, secondo uomo più ricco del Paese. E’ proprietario di una holding agrochimico e alimentare, che include oltre 250 imprese e di un gruppo mediatico che pubblica i giornali più venduti. A suo carico ci sono numerose accuse e scandali. Viene chiamato il “Trump ceco”, ma è anche sopranominato  “Babisconi” per il suo cammino politico simile a quello dell’ex presidente del consiglio italiano. Durante la campagna elettorale ha parlato di “Czexit”, facendo il verso della Brexit. Vuole condurre Praga fuori dalla Ue. E’ contro il piano di ricollocamento degli immigrati, contro l’adozione dell’euro e contro le direttive di Bruxelles.

Secondo i sondaggi è affidabile per il 30% dei cechi, ma ora potrebbe diventare anche premier. Il capo di Stato Milos Zeman ha ribadito più volte di volergli dare la possibilità di formare un governo. Non è chiaro però con chi possa formarlo, visto che finora Babis è sembrato isolato nello scenario polito. Molto probabilmente i suoi primi interlocutori saranno i socialdemocratici e i popolari. Le trattative possono riguardare però anche gli altri partiti, compresi i più estremisti.

Con la vittoria di Babis non è tutto incerto. Una sicurezza c’è, anche se è tra le più rosee. Il gruppo di Visegard, formato da Slovacchia, Polonia, Ungheria e repubblica Ceca appare rafforzato e con esso un nuovo flop per la sinistra europea.

Be the first to comment on "Repubblica Ceca, trionfa Babis. Sconfitta per i socialdemocratici"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*