Hi-tech Usa: conti da record per i “Big 5”

Il Pil statunitense sta crescendo del 3%, anche se le previsioni annunciavano una diminuzione dovuta all’impatto economico degli uragani. Questo comporterà un nuovo rialzo dei tassi da parte della Fed. L’economia americana sta quindi marciando avanti, e ciò è dovuto anche alle industrie dell’hich tech, che segnano la punta più avanza di un sistema produttivo avanzato. A testimoniarlo sono gli utili record delle principali società tecnologiche americane.

Le “Big 5” dell’hi-tech, ovvero Microsoft, Amazon, Google, Apple e Facebook, volano. Sommando i risultati comunicati fino ad ora dalle prime tre società, nonchè quelli attesi dalle altre due, si evidenziano utili complessivi per 75 miliardi di dollari nei primi nove mesi del 2017, con profitti in aumento del 25%. Nello stesso arco temporale, crescono anche le attese per quanto riguarda il giro d’affari delle stesse, con un più 16% e il valore di borsa, con una capitalizzazione complessiva quattro volte il valore di mercato di Piazza Affari.

Nella classifica delle prime dieci società per capitalizzazione, oggi le società tecnologiche stanno superando le grandi compagnie industriali e finanziarie. Non a caso, le prime cinque posizioni sono conquistate da società hi-tech. E’ chiaro che gli investitori credono nelle loro potenzialità di crescita. La rivoluzione tecnologica è in corso, e i segnali sembrano presagire ancora nuovi numeri positivi. Al momento nell’orizzonte non sembrano pertanto delinearsi particolari minacce per la posizione di supremazia dei big tecnologici sul mercato. Questo almeno per il breve periodo. Per il lungo periodo, invece, le esperienze del passato consigliano sempre una certa dose di prudenza nell’effettuare qualsiasi pronostico.

Be the first to comment on "Hi-tech Usa: conti da record per i “Big 5”"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*