Nuova Fiera di Roma, ovvero la fabbrica dei sogni

Viviamo in un periodo di crisi ed è inutile negarlo. Il fattore economico incide anche nell’umore della gente che vive quasi continuamente in uno stato di frustrazione. Si parla di lievi bagliori che fanno intravvedere la fine del tunnel ma concretamente, come si dice in questi casi, si continua a “tirare la cinghia”. In tale situazione tutti sentono forte il bisogno di evasione ed in particolare hanno una impellente necessità di sognare. Ed allora risulta di conseguenza normale che si vendano molte riviste patinate ove la gente può sicuramente cercare e trovare notizie sulla vita dei vip quali nobili, principi regnanti, politici, gente dello spettacolo o dello sport, ricchi, ecc.
Viene così esaminato ogni particolare della vita di questi personaggi: si cerca di sapere come vivono, come vestono, chi amano, se sono felici, se tradiscono i rispettivi partner, o se vengono traditi, cosa mangiano, dove vanno in vacanza o come vengono educati i loro figli. Tutto si vuole sapere, perfino i particolari più insignificanti e quello che non si sa, viene immaginato anche perché questi personaggi non sono più considerati persone in carne ed ossa ma veri e propri miti. Ovviamente la stampa si prodiga per accontentare tali richieste cercando continuamente di porre in evidenza degli scoop (più che altro sono gossip o similari).
Proprio per assecondare questa voglia di “volare” del pubblico, da alcuni anni è sorta la Nuova Fiera di Roma nei pressi dell’autostrada per Fiumicino. Decisamente molto più grande della precedente (la vecchia Fiera era collocata nella zona di piazza Navigatori), è una struttura dotata di caratteristiche moderne e confortevoli con numerosi enormi stands, adeguati parcheggi, una perfetta organizzazione ed uno staff di primordine. Tutti i reparti sono pure dotati di accessi facilitati per fare in modo che le varie manifestazioni possano ospitare tranquillamente anche persone con qualche disabilità fisica.
E così, praticamente, per tutto l’anno si possono notare meeting di vario genere: dalla esposizione di mobili, a quella degli arredi, dalle mostre canine a quelle feline, dalla musica ai balli popolari. In particolare l’arte viene esaltata e notevolmente valorizzata. Vengono infatti effettuate mostre di prodotti artigianali estremamente variegati e che fanno emergere e ravvivare le pieghe solitamente meno visibili della cultura dei vari paesi del mondo.
Ovviamente, un occhio di riguardo particolare viene attribuito soprattutto alle eccellenze inerenti l’artigianato italiano.
Sempre per confermare il tema riguardante i sogni degli italiani è parimenti dimostrato nonché confermato da precisi dati sociologici e statistici che quando si comprano, ad esempio, i giornali specializzati nelle caratteristiche delle automobili, per prima cosa ci si mette a guardare con interesse i prezzi e le prestazioni delle lussuosissime auto sportive anche se, chiaramente, ben pochi hanno la possibilità di comprare tali vetture.
E così, presso la Fiera, fra i vari eventi annuali è stata creata (ideatore è il Dr. Marco Galletti) una rassegna denominata “Supercar”. E’ una manifestazione meravigliosa ove vengono presentati modelli di auto di gran lusso, dalle linee mozzafiato e dalle prestazioni straordinarie. Il tutto contornato da ragazze di una bellezza, neanche a dirlo, ugualmente “da sogno”.
Concludendo si può affermare che ogni cosa tendente a sollecitare la fantasia ed a farla volare alta è qualcosa di veramente meritorio. Per cui bisogna plaudire a tutto ciò che possa aiutare l’essere umano a superare i momenti grigi ed a dargli una carica di ottimismo per l’immediato futuro, sia se si tratti di un libro, di un film, di un giornale, di una rassegna (artistica o di qualunque altro genere) o meglio ancora di una esposizione di costosissime auto.

di Angelo Brasi

Be the first to comment on "Nuova Fiera di Roma, ovvero la fabbrica dei sogni"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*